Libero sfogo di un campionato finito

Ufficialmente stasera è finito un campionato che effettivamente era chiuso già da qualche tempo. Niente fuochi d’artificio e sogni nel cuore, però è stata una bella cavalcata di cui personalmente vado abbastanza fiero. Adesso però è tempo di fermarsi a ragionare e se permettete qualche parola vorrei dirla anche io. Il Napoli non ha vinto lo scudetto per due motivi che si intrecciano fino a diventare una cosa sola: 1) Non siamo ancora pronti 2) Il sistema ancora non funziona. Sono così semplici da sembrare banali. In tre parallelismi cerco di spiegare quanto in realtà si completino tra loro. NON SIAMO ANCORA PRONTI perchè soffriamo di eccessiva “sensibilità” (curioso come certi termini siano ricorrenti). Il destino è sempre stato nelle nostre mani però a noi bastava assistere a una vittoria della Juventus un po’ più sofferta per cadere nello sconforto. Il Napoli in alcune partite è stato irriconoscibile ed è qui che sono maturati tutti i passi falsi decisivi. IL SISTEMA ANCORA NON FUNZIONA perchè in un campionato che vede un testa a testa in perfetto equilibrio non è concepibile che una delle due pretendenti al titolo, nelle ultime 16 partite, giochi 14 volte dopo la diretta rivale. E non raccontateci la storiella della Juventus impegnata su tre fronti: almeno la metà delle gare poteva avere un calendario diverso. Bastava volerlo. NON SIAMO ANCORA PRONTI perchè per tutta la stagione abbiamo pensato che per vincere bastasse il bel gioco. Per vincere ci vuole appetito. Quell’appetito che ti fa mangiare tutto il campionato e non sei sazio. E allora ti mangi i quarti di Coppa Italia con l’Atalanta e i sedicesimi di finale con il Lipsia. E poi continui perchè, si sa, l’appetito vien mangiando. IL SISTEMA ANCORA NON FUNZIONA perchè quell’appetito di cui sopra effettivamente è difficile averlo sempre. Però un conto è presentarsi per cena e trovare due tovaglioli di carta e l’insalatina nel piatto, altro conto è quando hai la tavola apparecchiata con lasagna e pasta al forno. Anche la Juventus a un certo punto non aveva un grande appetito.. però ha trovato sempre la lasagna e la tavola apparecchiata e a quel punto è più facile mangiare. (P.S. Nonostante il primo anno di Var). NON SIAMO ANCORA PRONTI perchè questo doveva essere l’anno buono e bisognava fare carte false per mettere allenatore e squadra in condizione di affrontarlo nel migliore modo possibile. Noi carte non le abbiamo fatte proprio. Le abbiamo guardate. Un mercato estivo inesistente “per non rompere gli equilibri, noi siamo a posto così”. Un mercato invernale inesistente “perchè ci abbiamo provato, ma non abbiamo trovato il profilo giusto”. E alla fine abbiamo giocato 50 partite in 14 di noi. IL SISTEMA ANCORA NON FUNZIONA perchè non si è mai visto l’amministratore delegato di una squadra che parla a nome di un’altra società dicendo che un determinato giocatore non si vende. E non fatevi mettere il fumo negli occhi dall’episodio Marotta-Politano perchè quello è solo la punta dell’iceberg. La Juventus ha più di 50 giocatori (il Napoli una quindicina) in prestito in giro per l’Italia. Significa rapporti privilegiati, significa favori e qualche volta significa anche “Scansuolo”. Se non si fa qualcosa per arginare questo giochino di potere gli scudetti consecutivi diventeranno 10, 14, 20. E noi, se ci va bene perché non è affatto scontato, saremo ancora lì a concorrere per lo scudetto degli onesti e per il premio del bel gioco. A voi appaga? A me no.

Dislike non mi piace
0
  • Commenti

0 Comments:

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.

Calciomercato

Le Opinioni

Serie A

Scroll to Top