Le due prime punte

Attenti a quei due. Quello che ieri sera ha battuto il Bologna non è stato un bel Napoli. La squadra è stanca, le assenze di Koulibaly e Hamsik si sono viste (specialmente quella del gigante nero). Non quella di Insigne. E già, chi lo avrebbe mai detto. Lorenzo il magnifico vive davvero un brutto periodo, ma ciò che più indispettiva non era il digiuno in zona gol (digiuno che condivide con Callejon: Josè dove sei?) ma l'atteggiamento mostrato in campo, presuntuoso e annoiato, era diventato un problema, A San Siro forse sarebbe stato meglio che a uscire fosse lui, non Milik, ma non si piange sul latte versato. E già perchè Milik è attaccante vero. In barba a tutti i tifosi e non (e sono tanti, anche se di memoria corta) che a inizio anno invocavano Cavani. Il Polacco è arrivato per la prima volta da quando è a Napoli in doppia cifra di gol, senza difficoltà. Saranno forse stati i due terribili infortuni a impedirgli di esplodere fino ad ora.... chissà... Tornando al presente Arek ha segnato da vero centravanti: un colpo di testa potente e preciso (bravo Malcuit nel cross, bravo davvero) e un colpo astuto e lesto sotto porta a seguito di un azione insistita (e qui lasciate che mi accanisca contro il fato ... un tocco cosi "strano" sarebbe stato l'ideale a Livepool dove invece ebbe la "sfortuna" di colpire fin troppo bene la palla). Oltre a una media realizzativa spaventosa, Milik ha dimostrato un intesa fantastica con Mertens. Il folletto belga sempra essere il suo partner ideale in attacco. La convivenza fa bene a entrambi: il folletto belga si è finalmente sbloccato, e lo fa nel momento migliore. trovando il gol quando ormai la partita stregata sembrava essere destinata al pareggio. Che poi il Bologna di ieri sia stato il miglior Bologna di quest'anno... forse perché Inzaghi era troppo stimolato dalla sfida al suo grande ex allenatore.  Ma vabbé, è andata. Gli azzurri tengono il passo della Juventus, anche senza aiutini. Anche con una difesa troppo legata all'assenza di KK. Anche con una squadra che sta vivendo un calo fisico netto, e risentirne e il gioco. La pausa arriva nel momento giusto...anche se contro la Lazio mancherà anche Allan. Chiusura sui tifosi: quelli veri, quelli che hanno espresso vicinanza e affetto per Koulibaly, indossando la sua maglia, il suo volto, dipingendosi la pelle di nero, con cori e striscioni, beh questo è il bello non del calcio, ma della vita. Loro meritato tutte le gioie. Per quegli altri che invece hanno preferito il silenzio, per rispetto di un loro pari caduto in battaglia, beh, loro non solo non sono tifosi, non sono nulla.

Dislike non mi piace
0
  • Commenti

0 Comments:

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.

Calciomercato

Le Opinioni

Serie A

Scroll to Top